L'odierna Agrigento è erede di una città potentissima dell'antichità, la celebre Akragas che, nel V sec a.C., divenne una delle più fiorenti e importanti città del mediterraneo meritando l'appellativo di "più splendida città dei mortali" (Pindaro). A testimoniarlo gli straordinari reperti custoditi nel Museo Archeologico Regionale di Agrigento e la maestosa Valle dei Templi, dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità.

Dettagli: Dettagli:

Nel cuore del parco archeologico è custodito il magnifico giardino della Kolymbetra: originario invaso idrico dell'antica Akragas. Dell'epoca romana, rimangono i resti delle eleganti ville del Quartiere Ellenistico-Romano. La città odierna si sviluppa intorno a due colline, la Rupe Atenea e il colle di Girgenti: su quest'ultimo nacque la città medioevale, l'attuale Centro Storico. Nel centro storico i vicoli e le viuzze di influenza araba collegano pregevoli edifici e chiese d'epoche successive. La via Atenea, fiancheggiata da caffè, ristoranti e negozi, è il cuore palpitante della nuova e vecchia Girgenti; dal panoramico e vicino Viale della Vittoria si domina la Valle e il mare

La Valle dei Templi è il sito archeologico più grande al mondo (oltre 1.300 ettari) e anche il parco che vanta un eccezionale stato di conservazione dei Templi dorici e dei reperti ellenici in esso contenuti. Storicamente, la Valle corrisponde all'antica Akragas, monumentale nucleo originario della città di Agrigento. Dal 1997 l'intera zona è stata inserita nella lista dei patrimoni dell'umanità redatta dall'UNESCO.

Dettagli: Dettagli:

È la meta turistica per eccellenza, oltre ad essere il simbolo della città e uno dei principali di tutta l'isola. Al suo interno oltre 10 templi, tra cui i più celebri Tempio dei Dioscuri e il Tempio della Concordia, ben noto per avere una delle peristasi (colonnato) meglio conservate al mondo. Dall'Hotel della Valle è possibile raggiungere la Valle dei Templi a piedi, con una piacevole passeggiata.

La Scala dei Turchi è una parete rocciosa di marna bianca che si erge a picco sul mare lungo la costa di Realmonte, vicino a Porto Empedocle. Il nome proviene dalle passate incursioni da parte dei pirati saraceni, un tempo definiti "turchi", che vi trovavano riparo perché meno battute dai venti.

Dettagli: Dettagli:

La costa è divenuta famosa a seguito della popolarità acquisita dai romanzi con protagonista il commissario Montalbano scritti da Andrea Camilleri, in cui viene citata di sovente. Oltre a essere un punto di interesse naturalistico è anche un pregevole sito balneare. L'Hotel della Valle organizza tranfer per la Scala dei Turchi ed escursioni.

Questo sito potrebbe utilizzare cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informazioni. Chiudendo questo banner acconsenti implicitamente all’uso dei cookie.